Progetto “Ero in carcere” e “Servizio Esodo”

Vivere le opere di Misericordiacarità

È mio vivo desiderio che il popolo cristiano rifletta durante il Giubileo sulle opere di misericordia corporale e spirituale. Sarà un modo per risvegliare la nostra coscienza spesso assopita davanti al dramma della povertà e per entrare sempre di più nel cuore del Vangelo, dove i poveri sono i privilegiati della misericordia divina. La predicazione di Gesù ci presenta queste opere di misericordia perché possiamo capire se viviamo o no come suoi discepoli. (Misericordiae vultus, 15)

Durante l’anno pastorale ci sarà la possibilità di continuare a “testimoniare la Misericordia” attraverso il dono del proprio tempo nella concretezza del “visitare i carcerati” (guidati dai cappellani della casa circondariale di Bergamo) e nella possibilità di collaborazione con il “Servizio Esodo”, gestito dal Patronato San Vincenzo: un servizio di educativa di strada per persone che si trovano in una condizione di emarginazione e che spesso, senza fissa dimora, trovano nell’area della Stazione Autolinee della città di Bergamo il luogo nevralgico del proprio abbandono.

Notizie più dettagliate saranno date successivamente, ma è sempre possibile contattarci per informazioni più precise.

Sono previsti incontri formativi lungo l’anno per quanti già stanno vivendo l’esperienza e per tutti coloro che desiderano aggiungersi.

Primo incontro introduttivo ai due servizi: venerdì 27 ottobre ore 20.45 c/o centro diocesano AC (Casa del Giovane, via Gavazzeni – Bergamo)

Categorie

Archivio

Facebook

Azione Cattolica Bergamo

Ci sta a cuore! Adesione 2016