campo adulti: ALTO-FRAGILE

volantino campoQuest’anno particolare che stiamo attraversando richiama a forme particolari e specifiche di incontro. Così anche il Campo Adulti che dà inizio al cammino associativo, viene svolto in luoghi e modalità differenti: abbiamo scelto di trovarci in presenza, non nella nostra Casa di  Rota Imagna  nella consueta formula residenziale, ma nella Parrocchia di Loreto, a Bergamo con un formula più snella, a moduli. Questo vuole essere un segno significativo che dica il nostro riprendere il cammino, nel rispetto della normativa sanitaria e igienica esistente.

Pertanto chiediamo di confermare la tua partecipazione ai singoli moduli formativi  o a tutto il Campo  entro il 20 agosto.

La proposta formativa sarà attorno attorno al tema della fragilità, che ci attraversa come abbiamo sperimentato nella situazione eccezionale che stiamo attraversando, che vogliamo affrontare principalmente da un punto di vista personale ed esistenziale.

A nostro avviso ciò dovrebbe aiutarci ad avviare un percorso in grado di rispondere a due esigenze che avvertiamo urgenti e prioritarie:

-fornirci alcune chiavi di rielaborazione del senso di disorientamento e della sofferenza da cui siamo stati inaspettatamente investiti (da più parti si sentono espressioni del tipo “ci siamo riscoperti improvvisamente fragili”)
-promuovere un confronto  critico sui criteri attorno ai quali stiamo impostando l’attuale concezione di uomo e, conseguentemente, della società, perché riteniamo che essa, accanto a molti elementi di valore, mostri dei limiti proprio attorno agli elementi costitutivi, essenziali della vita

L’idea di fondo consiste nel considerare la fragilità non un limite da superare o una debolezza da nascondere ma semplicemente un dato di fatto, una nostra caratteristica costitutiva  e, come tale, un perno attorno al quale ri-sviluppare una visione di uomo e di umanità più veritiera e, quindi, maggiormente in grado di stimolare e di guidare la ricerca delle domande profonde di senso delle persone (felicità, realizzazione, ragioni di vita,…).

La consapevolezza di essere fragile, non nega le possibilità di “grandezza” e “bellezza” dell’uomo, anzi, le orienta in direzioni più feconde e meno illusorie (accoglienza dei propri limiti, apertura al senso del mistero, riconoscimento del valore dell’altro come persona, reciproca interdipendenza, gratuità e cura,… ), consentendoci di vivere meglio con gli altri la nostra umanità. 

per iscrizione ti chiediamo di compilare il seguente modulo e di compilare e di precompilare e portare per ogni giorno di partecipazione  o compilare all’atto di iscrizione della giornata la presente autodichiarazione COVID 19.

Categorie

Archivio

Facebook

Azione Cattolica Bergamo

Ci sta a cuore! Adesione 2016