Come Vasi di Creta

La qualità della relazione educativa per dare forma alla vita

(6/8 dicembre 2009, Domus Pacis, via di Torre Rossa, 94  Roma)

Dicembre è da sempre un mese pieno di impegni per i ragazzi di Azione Cattolica. E quest’anno non è da meno. Dal 6 all’8 si svolgerà il Convegno nazionale degli Educatori ACR, dal titolo: “Come vasi di creta. La qualità della relazione educativa per dare forma alla vita”. In più di mille, provenienti da tutta Italia, si ritroveranno a Roma per tre giorni a riflettere sulla figura e sul ruolo dell’educatore, all’inizio di un decennio dedicato dalla Chiesa italiana alla riflessione sulla sfida educativa.

Obiettivo principale del Convegno ACR è quello di guardare l’educatore, e la relazione che è capace di instaurare con i ragazzi che gli sono affidati, da tutte le possibili angolazioni, aiutati da psicologi, pedagogisti, sacerdoti, musicisti, scrittori per ragazzi, così da avere una panoramica a 360°.

Per fare questo, si comincia nella giornata di domenica 6 dicembre con la relazione del Presidente nazionale dell’AC, il prof. Franco Miano, sull’importanza dell’educatore all’interno dell’associazione; poi si prosegue lunedì 7 mattina con una tavola rotonda sul ruolo dell’educatore, introdotta da un video in cui saranno i ragazzi a dire la loro, e a cui partecipano lo psicologo don Gabriele Quinzi, la prof.essa Elisabetta Musi, docente di Pedagogia sociale all’Università Cattolica, e don Antonio Napolioni, Rettore del seminario regionale delle Marche.

Nel pomeriggio di lunedì spazio ai 5 percorsi tematici su altrettanti aspetti della figura educativa: il gruppo, come luogo di formazione e crescita; il servizio educativo come crescita della persona umana; l’appartenenza alla comunità cristiana; la necessità di educare insieme alle altre agenzie educative, ecclesiali e non; l’utilizzo di parole, suoni e immagini nella relazione educativa. Ai lavori dei gruppi tematici interverranno, tra gli altri: la pedagogista Daniela Baccarella, lo psicologoMartino Nardelli, il prof. Giuseppe Savagnone, del Centro diocesano per la pastorale della cultura di Palermo, il dott. Francesco Alvaro, Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Lazio, il cantautore Emanuele Fossi.

La sera di lunedì 7 dicembre si chiuderà con un veglia di preghiera presso la Basilica di San Giovanni in Laterano, presieduta da mons. Domenico Sigalini, Assistente ecclesiastico generale dell’AC.

Domenica 8 mattina, dopo la relazione del Responsabile nazionale ACR, Mirko Campoli, tutti a festeggiare la festa dell’Adesione all’Azione Cattolica in piazza S. Pietro con il Santo Padre, per la recita dell’Angelus: un modo per dimostrare la voglia degli educatori, e di tutta l’ACR, di stare dentro questa Chiesa e questo mondo.

Proprio quello con il Santo Padre è un incontro che si rinnoverà di lì a poco: si avvicina, infatti, la tradizionale udienza di Natale con il Papa. Un momento di grande emozione e gioia, in cui due ragazzi per dodici diocesi d’Italia sono chiamati a fare gli auguri di Natale a Benedetto XVI a nome di tutti i bambini e i ragazzi dell’ACR; tradizione iniziata nel 1974 con Paolo VI e che continua di anno in anno: l’occasione per ricordare ogni volta al Santo Padre l’energia e la spontaneità dei ragazzi di Azione Cattolica.

Il Programma

Il minisito

Categorie

Archivio

Facebook

Azione Cattolica Bergamo

Ci sta a cuore! Adesione 2016